Pubblicazioni
Spotlight
Line by line

Aggiornamenti & storie brevi

Beyond the line

Analisi & approfondimenti

In the media

la voce della stampa internazionale

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
23 luglio 2020

KUHULO'S HOME

Sola con tre figlie, una storia da film alle spalle, sembra non scoraggiarsi mai. Nel campo profughi di Hitsats, nel nord dell'Etiopia, bambini vulnerabili, e guadagnava qualcosa facendo treccine.Ora è ad Assisi, ha imparato l'italiano in fretta riuscendo anche a lavorare molto presto.

 

 

 

 

Kuhulo ride quando dice il suo nome, perché ha scoperto l'assonanza in italiano, e quando ride lei fa ridere chi è attorno.“Per quanto riguarda la mia vita qui ogni giorno ringrazio Dio di essere qui e perché forse quello che vorrei per la mia vita riesco anche a realizzarlo, essere autonoma e cavarmela da sola”. In realtà Kuhulo se l'è sempre cavata da sola.

Era così felice quando Ilaria l'ha aiutata a individuare casa sua in Eitrea su Google Earth, come una bambina; poi sembrava che potesse piangere e invece si è messa a ridere. E la sua risata non può non esser che contagiosa per tutti.

 

 

 

Storie
Tema
Città
News correlate

21 luglio 2020

DUE ANNI DI ACCOGLIENZA, DIFFICOLTA' E PROSPETTIVE

Video della diretta di Ilaria con Rossana Galiandro, direttrice della Caritas di Assisi, una delle Diocesi che ha accolto il maggior numero di rifugiati dei Corridoi Umanitari.